Il vino è afrodisiaco? La guida di Er Murena

Il vino è afrodisiaco? Innanzitutto, dobbiamo capire cosa vuol dire afrodisiaco. Si tratta di un termine che si riferisce a una sostanza che eccita lo stimolo e il potere sessuale. Negli uomini,  questo significa un aumento delle prestazioni sessuali, nelle donne un incremento del desiderio.

Chiaro? Capito tutto? Bene. Dunque, il vostro partner vi disgusta? La sola vista della vostra partner vi fa venire un eritema alla pelle? Beh, se la vostra relazione oramai non ha più senso e vi limitate a vivere nello stesso letto, un po’ per abitudine e forse un po’ anche per dispetto, bere potrebbe essere una soluzione.

Vi vediamo: siete a tavola, tovaglia macchiata della suocera. In tavola passatelli in brodo scotti, frammenti di galbanino che occhieggiano e salutano mentre annegano. In tv l’ex fidanzata di Salvini. Sul divano saltellano i due figli ululanti nati, ma non è sicuro, in questa relazione. In testa avete un principio di alopecia. La pancia fa città metropolitana e si avvia a diventare provincia. Evitate con cura di guardarvi. L’ultima volta che avete fatto sesso, Mattarella era ministro

Bene, a questo punto vi ricordate che avete una bottiglia di vino di quelle buone. Chessò, una boccia di Pinot grigio da 6 euro, roba da signori, acquistata alla Despar. Che fare? Aprirla? Macché, errore grave. Bere in queste circostanze potrebbe essere il sigillo della fine della relazione. Prendete la bottiglia, infilatela in un cartone come si fa negli States, dite alla vostra partner che al cane è stato diagnosticata l’asma e deve passeggiare e uscite con il vino. Se la partner o il partner vi chiederanno conto del cartone, dite che si tratta di un tetrapak di Tavernello finito, da mettere in differenziata.

A quel punto raggiungete il vostro amante o la vostra amante. Posizionatevi nel loro letto. Sbocciate e bevete a canna un sorso. Passate la bottiglia al partner. Bevete. Assaporate l’effetto del polifenolo. Verificate il principio di eccitamento. Slacciate un reggiseno, armeggiate con i pantaloni. Occhio alla zip. Bevete. Stampate un bacio dove non batte il sole. Lubrificate ancora. Smettete di bere. Riponete con cura la bottiglia sul letto. Lasciatevi andare.

Poi tornate a casa. Abbracciate vostro marito o vostra e moglie e ricominciate a bere. 

* Avvertenza. Non cercate di riprodurre a casa i consigli di questo articolo, anche perché il suo autore, Er Murena, è stato segnalato all’ordine dei giornalisti per clickbait abusivo.

Leggi anche l’imprescindibile Come distinguere il vino bianco dal rosso“, del nostro Er Murena

TORNA SU